impianti-zigomatici

Rischi rigetto impianti zigomatici vs innesto osseo

L’impianto zigomatico è l’alternativa più immediata ai tradizionali impianti dentali, rivolta a tutti coloro che presentano un ridotto spessore osseo in prossimità della zona mascellare superiore.

Per i pazienti che presentano tale inconveniente, infatti, l’impiantologia tradizionale prevede un trattamento preventivo di rigenerazione ossea che, inevitabilmente, va ad allungare le tempistiche di intervento; inoltre va anche ad accrescere sensibilmente i rischi di insuccesso.

Tabella Innesto osseo vs Impianti Zigomatici

tabella differenze impianti zigomatici vs impianti ossei

Questa tecnica, messa a punto in Svezia negli anni ’80, ha cominciato a trovare largo impiego nel nostro Paese a partire dall’ultimo ventennio. In pratica consiste nell’ancorare degli impianti in titanio direttamente alle ossa dello zigomo.

Si tratta di una tecnica chirurgica abbastanza sicura, che non lascia cicatrici nel paziente e che, normalmente viene eseguita in anestesia locale. Anche il dolore post operatorio e lieve e tollerabile. Generalmente tende a esaurirsi spontaneamemte e del tutto nell’arco di una settimana.

Poiché il titanio è un materiale altamente biocompatibile, è da escludere categoricamente il rischio che possa provocare fenomeni di rigetto nel tessuto osseo. Inoltre finora non sono state accertate allergie al titanio di alcun tipo,, da parte dell’organismo umano.

Ad ogni modo, il trattamento alternativo agli impianti zigomatici è quello del l’innesto osseo. Consiste nel prelevare del tessuto osseo da altre zone del nostro corpo, per innestarlo nel mascellare atrofico. Un procedimento, come già accennato in precedenza, che prevede tempistiche più lunghe, risultando inoltre più invasivo e fastidioso per il paziente.impianti-zigomatici

La maggior complessità chirurgica, ed una percentuale d’insuccesso che oscilla tra il 10 e il 30%, fa sì che oggi molti dentisti siano tendenzialmente propensi a sconsigliare l’innesto osseo, prediligendo proporre al paziente l’impianto zigomatico.

Lascia una risposta

Your email address will not be published.Required fields are marked *